Martedì, 25 Luglio 2017 - ore 02:45
01Giugno La storia del cannolo siciliano, raccontata dallo chef Gioacchino Antonio Sensale | DOLCIricordi
Scritto da Sfiziosarte  

Il riferimento del nome è legato alle canne di fiume cui veniva arrotolata fino a pochi decenni fa la cialda durante la sua preparazione; quel che è certo è che il dolce fu inventato secondo una ipotesi in tempi remoti per festeggiare il carnevale. La prima descrizione risale al duca Alberto Denti di Pirajno che nel suo libro "Siciliani a tavola" scrive: "Tubus farinarius dulcissimo edulio ex lacte fartus". Secondo Pirajno la definizione è attribuibile a Cicerone (questore di Lilybeo, l'odierna Marsala, fra il 76 e il 75 a.C.).

Leggi tutto...
 
13Dicembre Cuccìa, la ricetta dello chef Gioacchino Antonio Sensale | DOLCIricordi
Scritto da Sfiziosarte  

 

Attraverso i consigli dello chef Gioacchino Antonio Sensale realizziamo una delle preparazioni tipiche della festa di Santa Lucia, la cuccìa.
Bisogna ammollare il frumento per almeno un giorno in acqua fredda e cambiando questa continuamente, prima di cucinarlo.
La sera prima della festa, finalmente si metterà il frumento a cuocere in un tegame, coperto d’acqua con un pizzico appena di sale.
Scolato bene verrà addolcito con crema di ricotta, scaglie di cioccolata e frutta candita a pezzetti e la scorretta d’arancia o con “mouse” di cioccolata oppure con una crema di latte, così preparata veniva offerta a chi fa la devozione alla Santa, ai familiari, ad amici e ai vicini di casa.
In questa tipo di manicaretto si elogia la qualità di questo cereale: il frumento ed i suoi derivati che negli antichi cerimonie ancestrale c’è anche quello della “cuccìa”.
Ingredienti: 500 grammi di frumento tenero; un pizzico di sale; 1,5 kg di ricotta di pecora freschissima; 450 g di zucchero semolato; 300 g di capello d’angelo o zuccata; 150 g cioccolato fondente (a gocce o a pezzettini); 120 g di scorza d’arancia candita; q. b. di granella di pistacchio; q. b. di granella in polvere.

Leggi tutto...
 
13Dicembre La storia della "cuccìa" raccontata dallo chef Gioacchino Antonio Sensale | DOLCIricordi
Scritto da Sfiziosarte  

Per questo giorno tutti aspettano la cuccia, creata e confezionata secondo tradizione. Solo i palermitani, che per “manciunaria sono fatti o tuornu”, mantengono viva questa tradizione.
Il nome stesso “cuccìa” viene da un trascinamento del sostantivo “cocciu” cioè chicco, o dal verbo “cucciari”, vale a dire mangiare un chicco alla volta.
Difatti la sua preparazione è quasi un rito nelle famiglie siciliane e palermitane in particolare, una antica consuetudine che ci perviene dall’ormai scomparso mondo contadino che in periodo di mietitura, i chicci di grano raccolti venivano lessati e mangiati sul posto nei momenti di pausa.
Una pietanza sicuramente molto antica che i nostri conquistatori musulmani ci hanno tramandato e, se facessimo un confronto con alcune città arabe come: Tunisi o città del Cairo dove è ancora possibile assaggiare, ancora in data odierna una pietanza Kech o Kesh, consistente da grano bollito addolcito da latte di pecora o di cammello associato a vaniglia e cannella.

Leggi tutto...
 
13Dicembre Santa Lucia a Palermo: tutte le usanze gastronomiche-dolciarie | DOLCIricordi
Scritto da Sfiziosarte  

A Palermo, il 13 dicembre, giorno in cui si celebra la vergine siracusana, si ricorda un vetusto avvenimento: nel XVII sec. La Sicilia fu scossa da una terribile carestia e a Palermo (altri indicano Siracusa) arrivò una nave carica di frumento.
I palermitani stretti nella morsa della fame da diversi mesi di carestia, non molirono il grano per farne farina, ma lo bollirono, per sfamarsi in minor tempo, aggiungendo soltanto un filo d’olio, creando così la “cuccìa”.

Leggi tutto...
 
09Novembre San Martino: tutta la letteratura dolciaria dai tempi dei nonni | DOLCIricordi
Scritto da Sfiziosarte  

Feste e sagre, degustazioni di prodotti locali di stagione e dimostrazioni di produzioni artigianali di dolci e formaggi. Si tratta del viaggio del gusto, d’impronta siciliana, organizzato per la ricorrenza della festa di San Martino. Ogni 11 novembre infatti le province siciliane si addobbano a festa per l’Estate di San Martino, idea tramandata dal poeta Giosuè Carducci.

Leggi tutto...
 
09Novembre San Martino: da Gesuè Carducci a la festa del vino | DOLCIricordi
Scritto da Sfiziosarte  

Affascinante come, nei secoli, la letteratura enogastronomica narri la sua evoluzione.
Soffermiamo l'attenzione su la ricorrenza di San Martino: come non pensare al vino nuovo e collegarlo all'omonima poesia di Giosué Carducci, che celebra la vendemmia.

Leggi tutto...
 
02Novembre Carmelo Sardo: "Io il due novembre aspettavo i pupi di zuccaru portati dai miei cari defunti" | DOLCIricordi
Scritto da Sfiziosarte  

Sono tornato al mio tempo, quando non c'erano streghe o travestimenti mostruosi, ma si correva presto a letto aspettando i nostri morti che nella fantasia ricca e acerba di noi bambini, agitavano la notte nascondendo, sparsi per la casa, giocattoli e "pupi di zuccaru" (i dolcetti insomma). E il nostro risveglio era colorato e tenero dopo una notte insonne, a spiare l'arrivo degli spiriti e a sperare che non ci grattugiassero i piedi : "cummogliati i pedi ca vennu i morti ca grattarola" ci intimorivano madri complici.

Leggi tutto...
 
01Novembre Ognissanti, nei ricordi di Natale Giunta | DOLCIricordi
Scritto da Sfiziosarte  

Tanti anni fa l'1 novembre era un momento molto importante, soprattutto per i bambini, perchè era il giorno in cui “arrivavano” finalmente i tanto attesi regali.

Leggi tutto...
 
04Aprile Dolci della tradizione pasquale siciliana: tra storia, cultura e dominazioni | News
Scritto da Sfiziosarte  

Un’eredità di forme geometriche, colori decisi avvolte sfumati, odori e sapori che aprono la mente a orizzonti dolciari di un tempo. Preparazioni di pasticceria o fresca o secca che mantengono negli anni l’utilizzo di materie  prime usate già duemila anni fa, come mandole, pistacchio e miele.
E’ evidente come il lato dolce della Sicilia sia strettamente legato alle vicende storiche, culturali e religiose dell'isola. Le diverse dominazioni avvenute nel tempo in Sicilia infatti, che riguardano i Sicani, i Siculi, i Fenici, i Greci, i Romani, i Bizantini, gli Arabi, i Normanni, i Germanici, i Francesi, gli Spagnoli, hanno lasciato eredità artistiche, culturali, gastronomiche-dolciarie di grande rilievo tramandate noi attraverso la letteratura settoriale del tempo.
Esempio ne sono i dolci pasquali, evidentemente legati a tradizioni pagane che si rifanno alla simbologia propria della ricorrenza.

Leggi tutto...
 
02Novembre Ecco il segreto per realizzare dei perfetti "dolci dei morti", intervista a Mangione | DOLCIricordi
Scritto da Sfiziosarte  

Tonalità calde arricchiscono di fascino le vetrine delle pasticcerie agrigentine che si colorano di bontà dolciarie dal sopore siciliano. Sfumature di gusto che spingono, chi ha buon palato, ad addentare i dolci tipici del periodo della commemorare dei propri cari. Dunque si ha l’imbarazzo della scelta: dalla colorata frutta di Martorana ai taralli dalla glassa aromatizzata, dai tatù bianchi velati di zucchero e quelli marroni di polvere di cacao ai mustaccioli di vino cotto, dalle ossa dei morti ai rami di miele, per terminare con i pupi di zucchero e, chissà che nel dubbio sia meglio assaggiarli tutti.
Per saperne di più su i “dolci dei morti” della tradizione siciliana e agrigentina in particolare, parla uno dei pasticceri più attivi nel territorio.

Leggi tutto...
 
Prec123Succ

TELEcucinoIO di Alessandro Giarratana

Pizza con salsiccia di Cancellara, la ricetta di Gabriele Bonci | TELEcucinoIO
Domenica, 02 Aprile 2017
IMAGE In una puntata de "La Prova del Cuoco" Gabriele Bonci ha preparato la pizza con salsiccia di Cancellara.Ingredienti.Per l'impasto: 1 Kg di farina di... Leggi tutto...

Il Pranzo di Mosè

Sarde a beccafico | Il Pranzo di Mosè
Mercoledì, 01 Giugno 2016
IMAGE Paesaggi, colori, sapori che riportano la mente a quei luoghi siciliani che ben conosciamo. Una fedele ricostruzione di ciò e delle tradizioni... Leggi tutto...

Poesie, in un piatto

Cannolo siciliano, la ricetta dello chef Gioacchino Antonio Sensale | Poesie, in un piatto
Mercoledì, 01 Giugno 2016
IMAGE Attraverso i consigli dello chef Gioacchino Antonio Sensale realizziamo una delle preparazioni tipiche della dolceria siciliana: il... Leggi tutto...

I Love Cakes di Debora Paparone

Donuts "light": senza rinunciare al gusto | I Love Cakes
Giovedì, 29 Ottobre 2015
IMAGE Rieccomi qui con un nuovo post.Oggi voglio condividere con voi un dolcetto che mi piace tanto di cui ho trovato il modo per farlo in una maniera un... Leggi tutto...

I Lettori Scrivono

Bilancio positivo per il III concorso nazionale di cucina gluten free, a parlarne lo chef Salvatore Pizzo | I Lettori Scrivono
Domenica, 05 Giugno 2016
IMAGE Si è chiusa con la riuscitissima e partecipata cena di gala e la premiazione dei vincitori delle varie categorie in gara, la due giorni a Villa... Leggi tutto...

DOLCIricordi di Alessandro Giarratana

La storia del cannolo siciliano, raccontata dallo chef Gioacchino Antonio Sensale | DOLCIricordi
Mercoledì, 01 Giugno 2016
IMAGE Il riferimento del nome è legato alle canne di fiume cui veniva arrotolata fino a pochi decenni fa la cialda durante la sua preparazione; quel che... Leggi tutto...

Alimentazione e Curiosità

Al via progetto 'AppleCare': cura allergie con le mele | Alimentazione e Curiosità
Domenica, 02 Aprile 2017
IMAGE Una terapia immunologica con le mele, varietà ipoallergeniche di mele e una banca dati clinica: sono gli obiettivi a cui mira il progetto di ricerca... Leggi tutto...

ZuccheroMania

Wedding cake per Clizia Incorvaia e Francesco Sarcina | ZuccheroMania
Lunedì, 15 Giugno 2015
IMAGE Il confronto con il "re del cioccolato" è inevitabile: Deborah Paparone come Ernst Knam. Se quest’ultimo è abituato a consegnare torte... Leggi tutto...

Seguici su

Facebooktwittergoogle plus

Banner AIRC